Il vantaggio dell’essere giraffa

di Antonella Salvatore

giraffe-2025888_960_720

La teoria di Jean Baptiste de Lamarck, meravigliosa teoria dell’evoluzione, ribadisce:

la necessità di avere un ruolo attivo in risposta agli stimoli esterni e di avere una spinta interna al cambiamento.

Ricordate l’immagine con la giraffa? Quella in cui la giraffa ha dapprima un collo normale, poi un collo un po’ più allungato per arrivare poi al collo lungo che ha oggi. Secondo de Lamarck, la giraffa ha iniziato a nutrirsi laddove non arrivavano gli altri, per sopravvivere ha sviluppato il collo lungo, un vantaggio competitivo unico, distintivo ed anche difficilmente imitabile.

Giusta o sbagliata la teoria lamarckiana, da un punto di vista professionale, dovremmo imparare dalle giraffe e sviluppare il collo lungo. Voglio dire che dobbiamo imparare a dimostrare la nostra unicità, far capire in che cosa siamo diversi dagli altri, evidenziare il valore che possiamo portare, sviluppare capacità di adattamento agli stimoli esterni, capacita’ di reazione e, nemmeno a dirlo, attitudine al problem solving. Queste sono caratteristiche fondamentali per entrare nel mondo del lavoro e, soprattutto, per restarci.

Lo stimolo non è esterno: “Ci sono le posizioni di lavoro e mi candido,” “Ci sono tanti clienti e guadagno” perché questo è abbastanza semplice a farsi.
Lo stimolo deve essere interno: “In che mondo siamo?” “Che cosa manca?” “Che valore posso portare?” “Di quali servizi possiamo avere bisogno?” “Cosa non funziona e può essere migliorato?” “Che problema abbiamo e quale soluzione posso proporre?” É così che proseguiamo con l’evoluzione, è così che possiamo evitare l’estinzione.

L’essere umano in generale è riluttante al cambiamento. Noi italiani lo stesso, se non di più degli altri, tendiamo alla conservazione, a mantenere lo status quo. Si mantengono i privilegi, si mantengono le vecchie regole, si mantengono gli errori, per paura di perdere qualcosa.

Pochi sono capaci di capire che il cambiamento non è necessariamente perdita di qualcosa, ma che, al contrario, può essere arricchimento, se non salvezza.

Il direttore che ottiene la direzione di qualcosa pensa “Sono arrivato”. Il laureato che ottiene il lavoro pensa “Sono arrivato”. L’imprenditore che ottiene il profitto pensa “Sono arrivato”. In realtà, è proprio quando si ottiene qualcosa che occorre iniziare “ad allungare il collo”.

2 pensato su “Il vantaggio dell’essere giraffa”;

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: